SG 19 BLACK - METALROBOT

Vai ai contenuti

Menu principale:

SG 19 BLACK


ROBOT

NOME: Shin Getter 2 Black

ALTEZZA: 191 mm

MATERIALI: Metallo - Plastica - Gomma

PESO: 350 grammi

TRASFORMABILE: No

COMPONIBILE: No

ARTICOLAZIONI: Miste

FINITURA: Lucida


ACCESSORI

MATERIALI: Plastica

BASETTA ESPOSITIVA E PORTA ACCESSORI: No

PORTA ACCESSORI: No

LIBRETTO ILLUSTRATIVO: Si


 
DESCRIZIONE

Dopo la versione normal, arriva la versione Black, da affiancare allo Shin Getter 1 Devil Wing.
Quando ho ordinato il modello via internet, ero cosciente dei difetti del modello, avendo ricevuto tempo prima la versione normal, quindi ero preparato a tutto tranne che alla colorazione!!!!!!
Arrivato il pacco a casa, lo scarto in tutta fretta, apro la scatola, estraggo il contenitore in polistirolo, rimuovo il coperchio ed eccolo lì in tutto il suo splendore............ nero con finitura opaca! Rimango impietrito: la finitura è opaca? Ma tutte le versioni Black fatte fino ad oggi da Aoshima, o da chi per loro, hanno sempre avuto una finitura lucida! Incredibile! Sono riusciti a fare lo Shin Getter 1 lucido , e lo Shin Getter 2 opaco, non oso pensare come sarà, se mai uscirà, lo Shin Getter 3!  Per il resto è identico alla versione normal.


TESTA

La testa, realizzata in gomma dura, è poco direzionale a causa di due tubi montati lateralmente al collo.
Devo anche dire che le dimensioni e la realizzazione sono molto al di sotto della media.


BUSTO

Il busto è un pezzo unico non articolato. Ai lati del petto ci sono due pannellature in plastica trasparente che lasciano intravedere i meccanismi interni del modello.
Dietro la schiena si monta ad incastro il Booster (motori per il volo).


SPALLE & BRACCIA

Le spalle sono movibili grazie a due distinte articolazioni:

- a scatti per la flessione, l’estensione e la circonduzione

- a resistenza per l’abduzione e l’adduzione laterale.

Il gomito può flettersi ed estendersi per mezzo di un’articolazione a resistenza e le braccia possono ruotare sul proprio asse. Sul braccio destro è montata la trivella in metallo dotata di punta rotante; sul  sinistro, invece, è montata una tenaglia con becchi movibili.
Il braccio destro, con l’intera trivella, può essere sostituito da un braccio, dotato di sistema sparante a molla e da una trivella in plastica, che può essere sparata per simulare il Drill missile (sistema già visto sul Mazinkaiser).


ARTI INFERIORI

Le anche sono rese mobili da due articolazioni a resistenza: una per la flessione e l’estensione, l’altra per l’abduzione e l’adduzione delle cosce.
Il ginocchio è articolato a resistenza; ciò consente sia la flessione anteriore che posteriore della gamba (avrei preferito un’articolazione che evitava la flessione anteriore, in modo da rendere il modello più stabile).
In ultimo va detto che quest’articolazione può ruotare sia sull’attacco della coscia, sia sull’attacco della gamba (stinco); quindi, fate attenzione alla sua posizione, dopo aver ruotato la gamba sul proprio asse prima di fletterla, perché potrebbe trovarsi in una posizione sbagliata e potreste spezzarla.
Le caviglie sono articolate a sfera e garantiscono una discreta mobilità del piede.


ACCESSORI

Gli accessori sono realizzati in materiale plastico e gomma dura.


VERNICIATURA


La verniciatura è stesa molto bene (i colori sono pastello con finitura opaca), sembra, però, essere un po’ delicata.


CONCLUSIONI PERSONALI


Il modello è identico in tutto e per tutto alla versione normal, quindi stessi difetti. Ho provato ad affiancarlo allo Shin Getter 1, ma l’accostamento non mi è piaciuto assolutamente.

Sono rimasto molto deluso: non tanto per la finitura opaca del modello, quanto per la poca considerazione che la Aoshima ha verso i propri clienti. Cambiare la finitura di una linea di produzione da una certa uscita in poi, ci può anche stare, ma cambiarla in un modello legato in maniera inscindibile ad un altro già uscito con finitura lucida, lo trovo veramente molto poco professionale.



Torna ai contenuti | Torna al menu