SG 13 A E - METALROBOT

Vai ai contenuti

Menu principale:

SG 13 A E


ROBOT

NOME: Getter 1 Weathering A.E.

ALTEZZA: 175 mm

MATERIALI: Metallo - Plastica - Gomma

PESO: 423 grammi

TRASFORMABILE: No

COMPONIBILE: No

ARTICOLAZIONI: Miste

FINITURA: Opaca


ACCESSORI

MATERIALI: Plastica - Gomma

BASETTA ESPOSITIVA E PORTA ACCESSORI: No

PORTA ACCESSORI: No

LIBRETTO ILLUSTRATIVO: Si



DESCRIZIONE

Questo nuovo Shin Seiki Gokin è l’SG-13 AE, realizzato sfruttando il corpo di base dell’SG-12 (ne conserva pregi e difetti).

Differisce dall’SG-13 versione normal, solo ed esclusivamente nella colorazione weathering, fatta realizzare da Anime Export. La tiratura di questo modello è di 1.500 unità; su ogni scatola c'è un adesivo che indica la numerazione sequenziale dei pezzi. Purtroppo, devo dire che, appena ho rimosso il robot dalla scatola, sono rimasto molto deluso dalla qualità della verniciatura: la sua resa estetica è molto accattivante se realizzata con professionalità, ma la realizzazione della livrea, in questo caso, è molto al di sotto della sufficienza. Metabolizzata la delusione della verniciatura, ho esaminato il modello e, come vi ho già anticipato, non è altro che un SG-12 con alcune modifiche estetiche, quindi stesse caratteristiche tecniche.


TESTA

La testa è realizzata in materiale plastico ed il dettaglio del volto è molto curato. E’ resa movibile da due articolazioni: una per la rotazione verso sinistra e verso destra sul proprio asse, l’altra per l’estensione e la flessione del capo.


BUSTO

Il busto è un pezzo unico non articolato. Ai lati del petto ci sono due pannellature in plastica trasparente che lasciano vedere i meccanismi interni del modello. Tra queste due pannellature, c'è la cabina di pilotaggio della Eagle Machine, a cui è possibile aprire leggermente il tetto. La cintura color nero è divisa in due parti, ognuna movibile; spostandone una verso destra e l'altra a sinistra, si vede un secondo passaggio per accedere all’interno del robot.

Dietro la schiena si trova il pulsante che comanda l’apertura del getter beam posto sull’addome del modello.

La parte posteriore delle pettorina è rimovibile; in questo modo è possibile montare sul modello il suo mantello.


SPALLE & BRACCIA

Le spalle sono movibili attraverso due articolazioni:

- a scatti per la flessione, l’estensione e la circonduzione del braccio.

- a resistenza per l’abduzione e l’adduzione laterale del braccio.

L’articolazione del gomito è del tipo telescopico: quando il gomito non è flesso, è retratta nella parte superiore dell’avambraccio; quando, invece, si vuole flettere ed estendere il gomito, bisogna allungarla. Purtroppo, questo sistema, quando è in funzione, allunga le braccia rendendole sproporzionate al resto del corpo; queste ultime possono ruotare sul proprio asse. Le mani sono intercambiabili, grazie a un perno montato sul polso che si inserisce a pressione nel foro posteriore della mano.


ARTI INFERIORI

Le anche sono rese movibili da due articolazioni a resistenza: una per la flessione e l’estensione, l’altra per l’abduzione e l’adduzione delle cosce. Hanno pure un sistema telescopico che permette di allungare l’articolazione, distanziando così le anche dalla testa delle cosce; in questo modo è possibile aumentare la possibilità di movimento di queste ultime. Il ginocchio è articolato a scatti e la gamba può ruotare sul proprio asse in entrambi i sensi.

Le caviglie hanno un’articolazione sferica che consente ai piedi di flettersi in avanti, verso l’esterno, verso l’interno, di estendersi all’indietro e di ruotare sul proprio asse.

Purtroppo, gli angoli di lavoro di queste articolazioni spesso non sono sufficienti a far poggiare in terra le piante dei piedi, quando si fanno assumere pose più dinamiche al modello.


VERNICIATURA

La verniciatura è del tipo weathering ed ha una finitura opaca.

La vernice di base è buona, non ci sono grandi imperfezioni anche se sembra molto delicata. Le sfumature di colore nero, invece, hanno intensità e spessore diversi l’una dall’altra: in alcuni punti sembrano essere addirittura state rimosse da un panno quando erano quasi asciutte! La cosa più probabile, penso, sia quella che il modello sia stato inscatolato con la vernice delle sfumature ancora fresca.

Qualunque siano state le cause, credo che un appropriato controllo qualitativo non avrebbe guastato e, al contempo, avrebbe evitato al sottoscritto e ad altri sfortunati, di ricevere un modello con una verniciatura mediocre!


ACCESSORI


Gli accessori sono realizzati in plastica e gomma dura.


CONCLUSIONI PERSONALI

Tutti i difetti visti sull' SG-12 si sono mantenuti in questa versione: poca mobilità dei piedi, articolazioni dei gomiti tecnicamente obsolete ed esteticamente inguardabili ed una verniciatura nettamente migliorabile.

Se amate il Getter 1 oav e volete inserirlo nella vostra collezione, vi suggerisco di orientarvi più sulla versione normal o quella Kawai, almeno non andrete incontro a spiacevoli inconvenienti di verniciatura!


Torna ai contenuti | Torna al menu