SG 10 - METALROBOT

Vai ai contenuti

Menu principale:

SG 10


ROBOT

NOME: Mazinkaiser Black Wing

ALTEZZA: 209 mm

MATERIALI: Metallo - Plastica

PESO: 754 grammi

TRASFORMABILE: No

COMPONIBILE: No

ARTICOLAZIONI: Miste

FINITURA: Lucida


ACCESSORI

MATERIALI: Metallo - Plastica

BASETTA ESPOSITIVA E PORTA ACCESSORI: No

PORTA ACCESSORI: No

LIBRETTO ILLUSTRATIVO: Si



DESCRIZIONE

Questo Shin Seiki Gokin è l’SG-10, ovvero il Mazinkaiser black version.

E’ un recolor dell'SG-03, quindi identico in tutto e per tutto a lui; l'unica differenza è il colore. Nella scatola è presente una miniatura in gomma dura del Duca Gorgon


TESTA

La testa è orientabile verso destra e sinistra sul proprio asse, mentre la flessione e l’estensione sono quasi pari allo 0!
Il volto è ben scolpito e si avvicina moltissimo a quello dell’anime.


BUSTO

Il busto non è articolato e la pettorina rossa è montata in maniera fissa. All’interno dell’addome si trova un sistema a scatto con caricamento a molla che lancia il missile centrale situato tra l’addome e il bacino.
Per far scattare il missile occorre premere un pulsante posto dietro la schiena del modello; su quest’ultima, tra le scapole, c’è un foro che serve per alloggiarvi il perno di agganciamento del Kaiser Scrander. Quando non è agganciato lo scrander, è possibile coprire il foro con un tappino in gomma.


SPALLE & BRACCIA

Le spalle sono montate al modello a pressione tramite un perno di forma esagonale.

Sono rese mobili da due articolazioni:

- a scatti per la flessione, l’estensione e la circonduzione.

- a resistenza per l’abduzione e l’adduzione; l’angolo di lavoro di quest’articolazione non è molto ampio!

L’articolazione del gomito è del tipo telescopico: quando il gomito non è flesso, è retratta nella parte superiore dell’avambraccio, quando invece si vuole flettere ed estendere il gomito bisogna allungarla, purtroppo questo sistema; quando è in funzione, allunga le braccia rendendole sproporzionate al resto del corpo.
Personalmente avrei optato per le classiche articolazioni!
Le braccia sono in grado di ruotare sia verso destra che sinistra sul proprio asse; possono essere anche sostituite con una versione non articolata, dotata però di sistema sparante dei pugni (che replica in maniera molto suggestiva il Turbo Smasher Punch visto negli oav).
Le mani sono intercambiabili, sono sottodimensionate rispetto al modello ed il loro sculpt non è il massimo.


ARTI INFERIORI

Le anche sono dotate di due articolazioni: una per la flessione e l’ estensione, l’altra per l’abduzione e l’adduzione laterale delle cosce.
Il ginocchio é articolato a scatti, mentre la gamba può ruotare sul proprio asse sia in senso orario che antiorario.
La caviglia è dotata di una discreta articolazione, che permette al piede di effettuare la flessione in avanti, esterna, interna e l’estensione all’indietro; pochissima è la rotazione verso destra e sinistra sul proprio asse. Le articolazioni si comportano in maniera egregia, non cedendo sotto il peso del modello; peccato, però, che nel complesso non lo rendano molto posabile!


KAISER SCRANDER

Il corpo principale è in metallo, mentre le ali sono realizzate in materiale plastico; possono essere montate e smontate dal corpo centrale tramite degli incastri a pressione. L’apertura alare, una volta montato, è impressionante...ben 35 cm!


ACCESSORI

Gli accessori sono realizzati in metallo e plastica.


VERNICIATURA

La verniciatura è completamente diversa dal normal: il petto, il bacino, le spalle, gli avambracci, i pugni e le gambe sono verniciati in grigio gun metal scurissimo, le cosce ed i bicipiti sono cromati, l’addome è argentato.
Lo scrander ha il corpo centrale di color grigio scuro con dettagli in nero e le ali sono completamente nere.
La vernice ha una finitura lucida, è ben stesa e spessa; anche questo modello ha delle piccolissime imperfezioni!


CONCLUSIONI PERSONALI

Stesse considerazioni dell’ SG-03, quindi stesso voto...7!

Nell’insieme, devo dire che, se non fosse per le ali nere, non sembrerebbe neanche una versione black. Comunque sia, non è, secondo me, un modello indispensabile in una collezione.



Torna ai contenuti | Torna al menu