KAZE' - METALROBOT

Vai ai contenuti

Menu principale:

KAZE'


Non dimenticate che siamo sempre all'opera, penso che ormai lo sappiate, e per questo oggi lo Staff di Metalrobot ha intervistato per voi la casa editrice d'Oltralpe: KAZÉ

Un doverso ringraziamento al Sig. Andrea Baricordi (Kappa Edizioni/Ronin Manga) che si è reso disponibile a fare da tramite per rendere effettiva questa intervista.


Ed ecco a voi l'intervista.


Gentile Staff della Kazé, prima di iniziare con le domande vorrei ringraziarVi per la disponibilità e per il tempo concesso per questa intervista. Ora, partiamo con le domande al signor Cedric Littardi

1. La Kazé è prima di tutto una azienda dal cuore francese. Come mai la scelta di approdare con i propri prodotti anche nel mercato italiano?

In realtà io sono di origine Italiana, e anche per questa ragione nel mio cuore l'Italia occupa un posto molto importante. E’ quindi logico il desiderio fi operare anche sul mercato Italiano. Kazé è comunque molto forte anche in Germania, e si sta facendo notare parecchio anche in Inghilterra.


2. Negli ultimi tempi la Kazé guarda sempre di più al mercato italiano, ne sono una dimostrazione gli ultimi prodotti home video disponibili e quelli annunciati.
Essendo una azienda che opera sia in Francia che in Italia, ci potrebbe cortesemente spiegare le differenze (o similitudini) tra i due mercati?

Questa domanda necessiterebbe di una risposta molto lunga e articolata. E soprattutto sarebbe indispensabile tracciare le due storie comparate di Francia e Italia per elencare tutto ciò che è andato in onda in ciascuno dei due paesi a partire del 1978.
Noi ci concentriamo soprattutto su opere recentissime, molti dei quali capolavori internazionalmente riconosciuti, e in particolare sui lungometraggi. Per cui, le differenze stanno più che altro nel volume complessivo dei due differenti mercati.


3. Sul sito internet della Vostra azienda figurano alcuni titoli che in Italia ancora non hanno visto la luce. Come mai non avete presentato questi titoli? Perché in Italia non ci sarebbe questo grande richiamo o perché altre aziende già ne detengono i diritti per l’Italia?

Le ragioni sono evidenti. Innanzi tutto, moltissimi anime sono già statindiffusi in Italia. Poi, come regola generale, evitiamo di portare in Italia qualsiasi titolo già uscito in altri paesi, e in modo da rendere sempre più simultanee le nostre uscite in tutta Europa. Tutto questo, ovviamente, dipende da una serie di elementi da tenere in considerazione: la situazione in Giappone, chi detiene i diritti, le richieste, la valutazione del mercato italiano. Bisogna poi ricordarsi che – benché sia molto triste da dire – internazionalmente è noto che il mercato italiano dell’home video è defunto, ucciso in larga parte dalla pirateria. Questo, di conseguenza, ha avuto una ricaduta sulle varie reti distributive, che poco a poco hanno perso terreno e possibilità di proseguire nel loro lavoro. Benché nessuno lo affermerà mai apertamente, insomma, sempre meno titoli arriveranno in Italia.


4. La Kazé ha iniziato quasi da subito a rendere disponibili i prodotti in doppia edizione DVD/Blu-ray. Come mai la scelta di puntare sin da subito su un supporto nuovo come quello del Blu-ray?

Siamo sempre stati pionieri, e il nostro credo consiste in qualità e innovazione. E’ per questo che abbiamo puntato subito sul Blu-ray. Questo nuovo media ci ha anche permesso di accedere prima all'internazionalizzazione dei nostri prodotti: produrre un blu-ray costa molto di più dal DVD, e i margini di guadagno sono più bassi. Da qui, la necessità/vantaggio di tradurre lo stesso film in più lingue, e renderle disponibili tutte nello stesso disco.


5. Da poco è stata ufficializzato l’inizio di collaborazione con una casa editrice nostrana che è ormai affermata, Kappa Edizioni. Da cosa è stata dettata la scelta dell’inizio di questa collaborazione?

Prima di tutto, nasce da un rapporto personale coi Kappa, che conosco e con cui ho lavorato molti anni prima di creare Kazé. Quando abbiamo deciso di lanciarci in Italia, spesso ho chiesto la loro collaborazione, e loro ce l’hanno concessa senza chiedere nulla in cambio. Ma oggi, vista la quantità e la frequenza delle nostre edizioni, è diventato necessario per noinavere un punto di riferimento locale per la promozione,nperciò la scelta naturale è stata quella di proporre a Kappa di occuparsene ufficialmente.


6. Riprendendo l’argomento della domanda precedente: Questa collaborazione porterà ad una presenza maggiore della Kazé in modo diretto in Italia o possiamo anche pensare ad una presentazione di manga e home video in collaborazione tra le Vostre aziende?

Speriamo di poter lavorare in maniera sempre più ravvicinata nel futuro anche sui titoli stessi, ma per il momento non c’è ancora nulla di concreto su questo fronte.


7. Come mai avete scelto di non rendere disponibile in Italia le “edizioni collection (limited)” di
alcuni dei titoli pubblicati? Ci possiamo aspettare che in futuro l’uscita di alcune di queste edizioni, che sono uscite solo in versione “base”, potrano vedere la luce anche nel nostro mercato?

In realtà questa è stata una scelta dei distributori. In passato abbiamo fatto uscire parecchie edizioni collector anche in Italia (“La ragazza che Saltava nel tempo” e “Professor Layton”, per esempio), però i risultati non sono stati tali da rendere questa operazione possibile per qualsiasi titolo.


8. Riprendendo l’argomento della domanda precedente: Per I titoli di futura uscita invece
procederete sempre sulla scelta di solo edizioni “base” (DVD e Blu-ray) o qualche cosa si potrebbe modificare e sperare almeno per i titoli “più di successo” anche una edizione "collection" per l’Italia?

Come detto poco fa, abbiamo realizzato una collector per Layton. Però, visto che il mercato dell’home video si sta disgregando, sembra richiedere ormai unicamente prodotti a basso prezzo. Nonostante ciò, ci porremo la domanda per ogni singolo prodotto, e valuteremo il da farsi. Dopotutto, è possibile che il Blu-ray cambi un po’ le cose.


Ora delle domande più specifiche su alcuni prodotti:

9. In Italia sono uscite le edizioni in Box di “Hellsing Ultimate” con in allegato il manga, operazione che avete portato avanti con un’altra casa editrice nostrana. Ora che è stato annunciato un nuovo OAV ci si può aspettare la prosecuzione ed il completamento di questa edizione?

Pare che la casa editrice non voglia più continuare quest'edizione, a causa di alcune problemi che ha riscontrato. Stiamo comunque riflettendo su come mettere in commercio a breve un’edizione volta a completare la serie.


10. Da pochi giorni sono stati annunciati dei nuovi titoli, tra cui quello di “Eureka Seven – The
Movie”. In molti si chiedono se in questo caso terrete conto del cast di doppiaggio della serie tv, che è stato pubblicato in Italia da un’altra casa editrice, oppure scegliere un cast di doppiatori “ex novo”?

Il film è ormai in uscita, per cui ogni appassionato avrà la possibilità di verificarlo personalmente.


Ora qualche domanda più “cattivella”.

11. Come mai in alcuni casi nei prodotti presentati dalla Vostra azienda in Italia non c’è la minima presenza di qualche “extra” nei contenuti dei supporti DVD o Blu-ray o anche come allegato cartaceo?

E’ molto difficile ottenere gli extra dal Giappone, spesso anche quando questi esistono nella versione originale. Noi facciamo di tutto per ottenerli, ma spesso siamo costretti a lasciar perdere. Un po’ come per le collector.


12. Se non erro la Kazé non ha pubblicato titoli di anime “storici”, per lo meno non per il mercato italico. In futuro c’è la possibilità di poter vedere qualche titolo in
home video?

C'è sempre possibilità, ma altre ditte lo fanno benissimo e sono presenti sul mercato italiano da molto tempo. Bisogna anche prendere in considerazione che – anche in Francia – Kazé è sempre stata più concentrata sulla scoperta di opere recenti e ‘nuove’ non solo nel senso della datazione.


Per concludere: in questi giorni non sono mancati gli annunci di nuovi prodotti in uscita. Ci possiamo aspettare qualche altra sorpresa? Qualche piccola anticipazione o piccolo indizio?

Non posso dire nulla senza rischiare di essere fulminato dai miei colleghi incaricati delle comunicazione, perciò non lo farò. Ma la tentazione è davvero forte…


Ringrazio lo staff Kazé (ed il Sig. Cedric Littardi) per la disponibilità ed auguro a tutto lo Staff un buon lavoro ed una buona giornata.


Torna ai contenuti | Torna al menu