GX50 - METALROBOT

Vai ai contenuti

Menu principale:

GX50


ROBOT

NOME: Com-battler V

ALTEZZA: 24,5 cm, quasi 25 se si considerano le antenne

MATERIALI: Metallo - Plastica

TRASFORMABILE: Si

COMPONIBILE: Si

ARTICOLAZIONI: Miste

FINITURA: Lucida

VEICOLI

NOME: Battle Jet

NOME: Battle Crasher

NOME: Battle Tank

NOME: Battle Marine

NOME: Battle Craft


ACCESSORI

MATERIALI: Plastica

BASETTA ESPOSITIVA E PORTA ACCESSORI: No

PORTA ACCESSORI: Si

LIBRETTO ILLUSTRATIVO: Si


LA SCATOLA

La scatola misura in CM: 40x28 e spessa 10,5 è si presenta molto elegante, con uno stile accattivante, in cartonato lucido in cui prevale il colore nero.
La grafica segue e ricalca il nuovo stile adottato dal GX-45: Shin Mazinger in poi, che personalmente trovo molto ben realizzata.
Purtroppo la confezione è abbastanza leggerina rispetto alle dimensioni.....


IL CONTENUTO

Il contenuto della scatola si presenta diviso in 2 sezioni di egual misura, una formato blister trasparente e l'altra in polistirolo.

La sezione Blister contiene alcuni accessori del robot, più i pezzi per formare lo stand, su questa sezione e attaccato tramite scotch anche la bustina contenente il libretto delle istruzioni.

In questa parte troveremo 18 componenti:

- 6 pezzi che compongono lo Stand

- 2 pezzi aggiuntivi per la modalità carro armato (a cui andranno attaccati i cingoli laterali)

- Un paio di carrelli per la modalità carro armato

- Due paia di mani (una a forma pugno e l'altra a dita aperte)

- L'artiglio titanico (Battle Galega)

- Il cannone (380 Miri Sensha Hou) della Battle Machine 3

- I due supporti per la funzione riparazione (Mechenic Fixer) della Battle Machine 4

La sezione in polistirolo è protetta da un coperchio in cartonato e contiene le armi e i 5 veicoli che compongono il robot, tutto il contenuto è sovrapposto da un cartoncino che ricorda la vetrinetta del rispettivo giocattolo vintage.

In questa sezione troveremmo 19 componenti + I 5 veicoli divisi in 6 parti

- 1 Paio YoYo Elettromagnetico (Choudenji YoYo)

- 1 Paio di YoYo Elettromagnetici da applicare alle caviglie

- 1 Super YoYo Elettromagnetico dividibile in 2 parti (Super Choudenji YoYo)

- 4 Supporti gialli trasparenti (Simulano Scariche elettriche) per agganciare gli YoYo

- 2 Lance gemelle (Twin lancer)

- Il Missile Fotonico (Big Blast)

- Un pezzo per il Missile Fotonico per simulare il Big Blast Divider

- Sciaper il Missile

- La Fiamma Iper Atomica (Atomic Burner)

- Il Maglio Magnetico (Choudenji Crane)

- 2 Pezzi per il Supporto Maglio

- Vite Elettromagnetica (Choudenji Spin)

- Battle Machine 1

- Battle Machine 2

- Battle Machine 3

- Battle Machine 4

- Battle Machine 5 (divisa in 2 parti)

In questa sezione le varie parti del modello mi sembrano imbustate e tenute un po “alla buona”, non meravigliatevi se qualche pezzo non sarà al suo posto, praticamente I componenti sono tenuti in sede solo dal cartone che ricopre la sezione. Si poteva fare decisamente di più in questo caso..


IL MANUALE DI ISTRUZIONI


Rispecchia I manuali dei suoi predecessori:, Inizia con una piccola prefazione sull'anime, i suoi disegni preparatori e uno sguardo ai precedenti modelli già usciti dello stesso soggetto.
Le istruzioni sono costituite da disegni puliti e semplici che spiegano il montaggio e le varie trasformazioni, facilmente comprensibili anche dalla maggior parte di noi che non conosce il Giapponese.


I VEICOLI

Battle Machine 1: Battle Jet


Questo è il veicolo che formerà la testa del Robot.
A occhio risulta abbastanza plasticoso, però nonostante le dimensioni è pesantuccio, sembra però che solo la parte posteriore del mezzo sia di metallo.
Il tettuccio è apribile, dove al suo interno nonostante le piccole dimensione si può intravedere il sedile del pilota.
Tramite pressione di uno sportellino posto subito sopra il vetrino della postazione di pilotaggio, si fa fuoriuscire il Cannoncino Centrale per il Raggio Magnetico (Magne Laser)
Invece i Cannoncini Frontali per I Raggi Siderali (KiKan Hou) spuntano dai lati semplicemente inclinando il veicolo verso il basso.
Sempre tramite una serie di sportellini e possibile far fuoriuscire i 3 carrellini con le ruote (fisse, cioè non girano).
Ottima la verniciatura e i dettagli.


Battle Machine 2: Battle Cruscher

Questo è il veicolo che formerà le braccia, petto e spalle del Robot.
Anche questo veicolo è quasi completamente plastica., solo parte dello scudo frontale e il suo corrispettivo posteriore e di metallo.
Le Braccia sono completamente in plastica.
I carrellini inferiori sono finti e praticamente sono fusi in un unico pezzo di plastica insieme alle ruote.
Ottima verniciatura e dettagli, bello soprattutto l'interno della cabina di pilotaggio.


Battle Machine 3: Battle Tank

Questo è il veicolo che andrà a formare il torso del Robot.
Il mezzo è pesantuccio, ma la carrozzeria sembra quasi tutta plastica, quindi molto probabilmente l'interno sarà sicuramente in metallo, foderato dai particolari in plastica.
I cingoli sono staccabili e l'aggancio francamente è alquanto discutibile e rende il baricentro del mezzo instabile sbilanciandolo..
Le Tenaglie (Power Arm) si estraggono semplicemente tirando la parte esterna (la pinza rossa). Tutti i bracci interni sembrano in metallo, mentre le tenaglie rosse sono in materiale plastico.
Il Cannone (380 Miri Sensha Hou) è a parte ed è applicabile sul dorso tramite incastro, il quale risulta anch'esso abbastanza discutibile perché agganciandolo si rischia di graffiare il modello.
Il Cannone è un un unico pezzo di plastica, quindi non è regolabile in altezza ne in qualsiasi altro verso..
Come gli altri veicoli ottima verniciatura e dettagli


Battle Machine 4: Battle Marine

Questo è il veicolo che andrà a formare le gambe del Robot.
In metallo la parte centrale rossa (dove c'è la cabina di pilotaggio) e le gambe (parte Blu), in plastica invece le cosce e il resto del mezzo.
I carrelli posteriori del veicolo escono facendo ruotare di 180° le ginocchia (parte gialla) mentre quello posteriore si estrae dal sotto cabina (tutti i carrelli sono fittizi).
La Funzione Riparazione (Mechenic Fixer) si ottiene applicando 2 componenti (completamente in plastica e monocromatici) ai lati del veicolo, nelle cosce nella fessura dove rientrano gli alettoni laterali.
Come gli altri ottima verniciatura e dettagli.


Battle Machine 5: Battle Craft

Questo è il veicolo che diventerà i Piedi del Robot.
Questo veicolo è formato da due parti separati identiche e speculari (che poi andranno a formare i piedi del Robot) .
In plastica la parte superiore e in metallo quella inferiore interna.
Le 6 ruote per parte (interamente in plastica), risultano realmente funzionanti e ammortizzate.
Le Trivelle (Craft Drill) fuoriescono spostando la classica linguetta posta nella parte sottostante dei mezzi. Le trivelle sono fisse, quindi non ruotano è sono in materiale plastico.
Il sistema di aggancio delle 2 parti è di tipo magnetico.
Come gli altri ottima verniciatura e dettagli (trivelle a parte).


TRASFORMAZIONE VEICOLI-ROBOT

La trasformazione tutto sommato risulta abbastanza semplice, forse solo in qualche punto per chi non sa leggere il Giapponese e si basa solo sui disegni può risultare un po ostico, visto che alcuni passaggi non rendono bene graficamente. Una volta montato il robot risulterà molto solido, gli agganci sono pressoché perfetti e tengono saldamente, a parte i soliti 2 cingoli posti dietro alla schiena che tendono a staccarsi facilmente maneggiandolo (praticamente si tengono con un pernetto di pochi mm).


Il COM-BLATTER


La Testa
Molto ben dettagliata: può assumere praticamente qualsiasi posizione grazie a uno snodo a sfera quindi può ruotare in tutti i sensi, sia orizzontalmente che verticalmente.

Braccia

L'articolazione spalla-braccio si muove tramite un asse con 2 snodi non a scatto, che rende possibile una vasta varietà di posizioni.
Il braccio invece ruota rispetto alla spalla con un altro snodo, il classico dentato a scatto che lo fa ruotare praticamente di 360°.
Il gomito anch'esso può ruotare è piegarsi tramite 2 diversi tipi di soluzione.
Lo snodo di piegatura arriva a 90° a meno che non si allunghi un po il braccio facendo fuoriuscire l'altro snodo contenuto nell'avambraccio (che serve per piegare completamente il braccio nella trasformazione in veicolo), così da ottenere maggior ampiezza, ma a discapito dell'impatto estetico.

Mani
Bruttine e piccoline quelle che fuoriescono dalle braccia (ma sembra normale), Apertura mobile delle dita (pollice e le altre 4 dita che però sono fuse insieme) e possibilità di rotazione.
Quelle opzionali hanno lo snodo a sfera nel polso, quindi possono assumere svariate angolazioni, ma le dita sono in posizione fissa (praticamente è un pezzo di gomma).
Le mani opzionali sono solo 2 paia: Una in posizione classica a pugno chiuso, mentre l'altra sono in posizione a dita spalancate.

Bacino

Praticamente immobile, odiosi I cingoli posti dietro alle spalle che tendono a cadere facilmente maneggiando il modello.

Anca e Cosce
leggero movimento della giuntura anca-coscia sia lateralmente che verticalmente tramite snodo senza scatti, ma molto rigido.

Ginocchia e Gambe
Le Ginocchia sono formate da un doppio snodo di cui uno a scatto, abbastanza rigidi, molto ampia la mobilità.
Le gambe possono ruotare praticamente di 360°.

Caviglie e Piedi:
Per le caviglie c'è un leggero movimento laterale tramite snodo senza scatto, non essendo uno snodo a sfera non effettua movimento di tipo multidirezionale. ma c'è la possibilità tramite uno snodo che serve per la trasformazione in carro armato di piegarsi in avanti, ma lo considero più un difetto che un pregio, perché in primis è inutile e poi può far capottare il robot in avanti.
I piedi svolgono a dovere il loro lavoro, essendo anche di dimensioni considerevoli, tengono il robot saldamente a terra. Non è presente nessuno snodo in essi.


TRASFORMAZIONE IN CARRO ARMATO

La trasformazione in carro armato risulta un po un attacca è stacca, vanno aggiunti dei componenti (2 pezzi laterali a cui agganciare i cingoli e gli yoyo del bacino e 2 carrelli da attaccare alle ginocchia). Vanno poi staccati dal robot alcune parti per cambiargli posizione (yoyo posti sui fianchi e Cingoli) e rimosse interamente altre (I carrelli dietro le braccia).


LO STAND

Lo stand da montare è composto da 6 pezzi in plastica monocromati, nel solito stile Bandai è ricalca quello del suo predecessore e robot simili.
Come per tutti i robot grossi lo stand perde la funzione di piedistallo espositivo per il robot è diventa esclusivamente una sorta di portaarmi e accessori.
Personalmente non amo questo tipo di soluzione, la trovo molto antiestetica, perché il tutto si presenta come una cozzaglia di componenti brutti anche a vedersi, viceversa è ottimo invece per chi piace esporre anche gli accessori.


ARMI

Tutte completamente in plastica, come sempre ci sono armi che rendono bene, ben dettagliate e dipinte a Hoc è altre che sono semplici pezzi di plastica sagomati monocromatici..
Belle le lance, gli yoyo e le scariche. Pessimo invece la sciamissile e la tenaglia per esempio.

Queste sono le Armi Contenute nella confezione:

- Artiglio Titanico (Battle Galega)

- Fiamma Iper Atomica (Atomic Burner)

- Maglio Magnetico (Choudenji Crane)

- YoYo Elettromagnetici (Choudenji YoYo)

- Super YoYo Elettromagnetici (Super Choudenji YoYo)

- Lance gemelle (Twin lancer)

- Vite Elettromagnetico (Choudenji Spin)

- Missile Fotonico (Big Blast & Big Blast Divider)


COMMENTO PERSONALE

Personalmente trovo questo modello bello, ma abbastanza discutibile.

Lati negativi:

Prima di tutto ha poco metallo, praticamente leggerissimo nonostante le dimensioni.
Le articolazioni del bacino è limitata, situazione negativissima, perché compromette e rende minima la posabilità del modello.
La posabilità dei gomiti può essere aumentata solo a discapito dell'estetica..
I cingoli dietro alla schiena hanno un'attacco alquanto discutibile e inadatto, si poteva pensare a qualcosa di più solido.
Inoltre alcune armi che erano contenute del GX-03 mancano in questa nuova versione è non ne comprendo il motivo.
Prezzo troppo elevato se confrontato con robot simili, tipo Vultus, che trovo decisamente migliore e più metalloso e con il suo predecessore da cui non si discosta tanto.

Lati positivi:

Dalla sua però questo modello ha sicuramente l'estetica, molto bello, curato, dettagliato e verniciato a dovere, senza sbavature e mancanze di colore, in questo senso non ho trovato un difetto.

In definitiva molto bello esteticamente, ben curato e dettagliato, ma poco metalloso con posabilità limitata e infine troppo costoso.
Se fosse per l'estetica gli darei 8, ma per I difetti sopra citati non posso nemmeno promuoverlo a pieni voti, ma non mi va nemmeno di bocciarlo completamente, quindi:

VOTO: 7


SCRITTA DA: RichterBelmont



Torna ai contenuti | Torna al menu