GX01RB - METALROBOT

Vai ai contenuti

Menu principale:

GX01RB


ROBOT

NOME: Mazinga Z

ALTEZZA: 173 mm

MATERIALI: Metallo - Plastica - Gomma

PESO: 327 grammi

TRASFORMABILE: No

COMPONIBILE: No

ARTICOLAZIONI: Miste

FINITURA: Lucida


ACCESSORI

MATERIALI: Plastica

BASETTA ESPOSITIVA E PORTA ACCESSORI: Si

PORTA ACCESSORI: No

LIBRETTO ILLUSTRATIVO: Si

DESCRIZIONE

Finalmente è arrivato il momento di recensire "un pezzo da 90", sto parlando del GX 01…….RB!
Questo GX veniva venduto esclusivamente in Giappone insieme alla serie animata di Mazinga Z in dvd. E' un GX 01R con colorazione black, ma la finitura è lucida e non opaca. Le dimensioni, gli accessori e le caratteristiche tecniche sono identiche allo 01 R.

TESTA

La testa è stata migliorata nelle forme e nelle proporzioni: ora sembra essere più vicina a quella vista nell’anime, ma, secondo me, manca ancora di qualcosa per essere perfetta! E’ resa mobile grazie a due articolazioni a resistenza: una per la flessione e l’estensione, l’altra per la rotazione verso destra e sinistra sul proprio asse. Il pilder è rimovibile.

BUSTO

Il busto è diviso in due parti: torace / addome e bacino. Esse sono tenute insieme da un’articolazione centrale che consente il solo movimento verso sinistra o destra delle due parti sul proprio asse.

Al centro dell’addome, per simulare il missile centrale (Missile Punch), non è più presente lo sportellino ad apertura a mo’di ribaltina del GX 01, ora c'é un pannello rimovibile con sistema di lancio del missile a molla.
Le piastre pettorali adottano lo stesso sistema di montaggio a pressione del GX 01.  


SPALLE & BRACCIA

Le spalle del modello sono mobili grazie a due articolazioni:

- a scatti per il movimento di flessione, estensione e circonduzione.

- a resistenza che gestisce in movimento laterale di abduzione e di adduzione.

L’estensione e la flessione del gomito sono affidate ad un’articolazione a resistenza, montata in maniera fissa sull’avambraccio ed in maniera rimovibile sul bicipite, grazie ad un sistema a calamita, che permette di sostituire con molta facilità gli avambracci standard, con quelli dati come accessori per ricreare il Pugno a razzo (Rocket Punch), l’ Iron Cutter e le Punte d’acciaio (Drill Missile).

Le mani sono intercambiabili grazie ad un perno fisso montato sull’avambraccio all’altezza del polso il quale si inserisce a pressione all’interno dei fori posti nella parte posteriore delle mani.


ARTI INFERIORI

Nell’anca sono poste due articolazioni non a scatti, una per la flessione e l’estensione, l’altra per l’abduzione e l’adduzione delle cosce.
Il ginocchio è articolato a scatti e la gamba ruota sul proprio asse in entrambi i sensi per mezzo di un’articolazione a resistenza.

La caviglia è dotata di un’articolazione sferica che permette al piede di effettuare la flessione, l’estensione, la supinazione, la pronazione e la rotazione interna ed esterna.

JET SCRANDER & ACCESSORI

Sia gli accessori che il Jet Scrander sono in materiale plastico. Lo scrander ,grazie ad un sistema interno identico a quello già visto nel GX 01, ha la possibilità di avere le ali mobili, per poterle mettere in modalità volo autonomo o agganciato.

VERNICIATURA

Il torace, il bacino, le gambe, i piedi, gli avambracci, le spalle, le mani, i pilder ed una parte del volto sono nere lucide, mentre i bicipiti, le cosce, l’addome e le piastre pettorali sono cromate. Grigio metallizzato sono: le bordature del torace, delle spalle, delle anche, i vetri ed alcuni particolari dei pilder, il collo e parte della testa. Il Jet Scrander è totalmente nero, fatta eccezione per alcuni particolari color oro.

La verniciatura è veramente ben realizzata, è priva di difetti e imperfezioni, le cromature sono ottime e non presentano graffi o segni.

CONCLUSIONI PERSONALI


Pur non conoscendo la tiratura esatta, è un modello definito “limited”. A renderlo ancora più limited è il suo prezzo che oscilla tra gli 800 ed i 1200 euro.

Con questa colorazione è stupendo: il nero lucido abbinato alle cromature è pura gioia per gli occhi. Ovvio che, a mente lucida, "la spesa non vale l’impresa", perché, in fondo, è un GX01R recolor, ma, nel collezionare, molto spesso si è spinti più dal cuore che dalla mente.




Torna ai contenuti | Torna al menu