COLORI - METALROBOT

Vai ai contenuti

Menu principale:

COLORI


COLORI

Fra tutti i colori esistenti solamente tre non nascono dall’unione di altri colori: il rosso magenta, il blu cyan ed il giallo.




Questi tre colori sono chiamati colori base o primari e servono per creare tutti gli altri colori.

Quando vengono uniti, alla massima concentrazione ed in parti uguali, generano il nero. Miscelando insieme due colori primari alla volta in parti uguali otteniamo altri tre colori chiamati secondari e sono: il verde, il rosso arancio ed il viola. Quando, invece, uniamo i primari ai secondari otteniamo i terziari:

- viola rossastro

- blu oltremare

- verde smeraldo


- verde chiaro

- giallo arancio

- carminio

Di seguito alcuni esempi di combinazioni di colori ottenibili con i tre colori base.



In molti casi può tornare utile saper scurire i colori con i loro complementari senza ricorrere all’aggiunta del nero, il quale, molto spesso, tende a diminuire l’intensità del colore rendendolo grigiastro.

I colori primari si scuriscono miscelandoli con il relativo colore complementare; quest’ultimo si ottiene miscelando gli altri due primari.

Se volessimo scurire il rosso magenta primario, dovremmo aggiungere ad esso del verde “complementare”, ottenuto dall’unione del giallo primario con il blu cyan primario.

In pratica, come già detto, dalla somma dei tre primari si ottiene il nero; quindi, unendo un primario alla tinta ottenuta dalla somma degli altri due primari, si ha una variazione più scura del primo. Considerando ciò,  si é in grado di scurire i secondari:

- verde smeraldo con rosso carminio

- giallo arancio con blu oltremare

- verde chiaro con viola rossastro.

Di seguito trovate la ruota dei colori, ogni colore va scurito con il suo contrario.



Sulla carta questo sistema funziona alla perfezione, nella realtà è molto spesso influenzato dalla chimica dei colori che andiamo ad usare, la quale può alterarne leggermente il risultato.

Per schiarire i colori si usa generalmente il bianco. Questa operazione, però, non sempre è corretta; infatti può andar bene per alcuni tipi di marrone, per il nero, il blu, etc., ma non per il rosso, il quale può essere schiarito con del giallo o del crema, o per i verdi che possono essere schiariti con una miscela di bianco e giallo.

Secondo la loro natura è possibile dividere i colori in due famiglie:

- i caldi

- i freddi

A cosa serve saper distinguere i colori? Semplice! Sarà utile quando andremo a realizzare dei diorami o dei terreni.

Tutti i colori che nascono dalla combinazione dei rossi e dei gialli si definiscono caldi, perché, se paragonati alla natura che ci circonda, ci ricordano il sole, il fuoco…quindi riportano alla nostra mente una sensazione di caldo.

Quelli nati invece dalla combinazione dei verdi, degli azzurri etc. vengono definiti freddi perché, come i caldi, se paragonati alla natura, ci ricordano l’acqua, il cielo, le piante etc., quindi ci trasmettono sensazioni di fresco.


                          
I colori grigi vengono invece generalmente classificati come neutri; infatti, a seconda delle miscele che possiamo ottenere, possono avvicinarsi ai caldi così come ai freddi.


VERNICI PER MODELLISMO

Le vernici sono costituite da tre componenti specifiche:

- il pigmento, che dà il colore alla vernice

- il legante, che ha lo scopo di garantire l’asciugatura della vernice stesa

- il diluente, che ha lo scopo di conservare la vernice nel suo stato liquido, evitando l’essiccazione all’interno del suo contenitore.
Negli anni, nel settore modellistico, sono state sviluppate delle vernici con il preciso scopo di non intaccare la plastica con cui sono realizzati i modelli. Questi prodotti possono essere suddivisi in due grandi famiglie: le vernici acriliche e le vernici sintetiche, conosciute anche con il nome di smalti.

VERNICI ACRILICHE

Hanno un tempo di asciugatura al tatto di circa 5/10 minuti, mentre, per stabilizzarsi del tutto e asciugarsi in profondità, hanno bisogno di circa 12 ore. Hanno un potere coprente ed un fissaggio sulle superfici minore rispetto alle vernici sintetiche, ma, rispetto a quest’ultime, vantano una minore tossicità ed un odore meno fastidioso. Possono essere diluiti sia con acqua che con alcol. Le marche più conosciute sono: Tamiya, Vallejo, Citadel Colour, Hobby Color, Model Master, Lifecolor, Pactra, Aero Master e Molak.

VERNICI SINTETICHE

Hanno un tempo di asciugatura al tatto di circa 2 ore, mentre, per stabilizzarsi del tutto e asciugarsi in profondità, hanno bisogno di circa 24 ore (in alcuni casi anche di 48/72 ore). Hanno un potere coprente molto elevato ed offrono un’ottima tenuta sulle superfici, oltre ad un’eccellente resistenza agli urti. Purtroppo hanno un odore molto forte e sono più tossiche delle vernici acriliche. Normalmente vengono diluite con diluenti sintetici.
Le marche più diffuse sono: Revell, Humbrol, Gunze Sangyo, Model Mater, Molak e Tamiya.

Se per i colori pastello le differenze sono quasi pari allo zero, per i metallizzati non è così. I metallizzati sintetici sono molto più realistici di quelli acrilici, ma sono più delicati; necessitano, infatti, di una mano di vernice trasparente protettiva. Le migliori vernici metallizzate sono quelle sintetiche prodotte da:

- Alclad, che non necessitano di diluzione e di particolari trattamenti protettivi

- Humbrol Metal Cote con grafite che, una volta asciutte, vanno lucidate con un panno per renderle brillanti.   

Per diluire sia le vernici sintetiche che quelle acriliche, i produttori mettono in commercio i loro diluenti specifici (molto cari economicamente), grazie ai quali si ottiene una resa eccezionale delle vernici. Esiste comunque la possibilità di diluire sia le vernici acriliche che quelle sintetiche con dei diluenti del tipo “fai da te” (risparmiando soldi). Per gli acrilici si usa spessissimo l’alcol, mentre per i sintetici si può far ricorso all’acquaragia. Non sempre l’utilizzo di questi diluenti offre una resa ottimale delle vernici; vi conviene, quindi, provare diverse soluzioni per ottenere il massimo rendimento.



Torna ai contenuti | Torna al menu