BRAVE GOKIN 09 - METALROBOT

Vai ai contenuti

Menu principale:

BRAVE GOKIN 09


ROBOT

NOME: Griffon Type - J9 Flight Unit

ALTEZZA: 180 mm

MATERIALI: Metallo - Plastica

PESO: 433 grammi

TRASFORMABILE: No

COMPONIBILE: No

ARTICOLAZIONI: Miste

FINITURA: Lucida


ACCESSORI

MATERIALI: Plastica

BASETTA ESPOSITIVA: No

PORTA ACCESSORI: No

LIBRETTO ILLUSTRATIVO: Si



DESCRIZIONE

Dopo circa cinque mesi dall’uscita del Brave Gokin 07 il 2007 vede arrivare sul mercato anche lo 08 e lo 09.
Quest’ultimo come lo 07 è un modello dedicato al mondo Patlabor, stavolta però si parla di un cattivo, il Griffon Type-J9 visto nella serie del 1988 e negli ova del 1992. Visti i passati risulti molto soddisfacenti delle precedenti uscite mi aspettavo lo stesso livello qualitativo, e cosi è stato.


TESTA

La testa è movibile grazie ad un’ articolazione a resistenza sferica, che permette la flessione, l’estensione e la rotazione sul proprio asse verso destra e sinistra del capo; nel complesso la mobilità del capo è più che buona.


BUSTO

Il busto è diviso in due parti:

1) Torace - addome

2) Bacino

Sono unite insieme da un’articolazione centrale di tipo sferico che consente di accennare appena dei leggerissimi movimenti verso sinistra o destra delle due parti sul proprio asse verticale, di flettersi anteriormente, verso sinistra e verso destra e, di estendersi leggermente all’indietro.
 
La base del collo e un portello posto al centro dell’addome sono movibili ed apribili, in questo modo consentono l’ accesso alla cabina di pilotaggio del robot.
Le ali sono dotate di due giunture a scatti che le rendono orientabili, si installano sul modello ad incastro grazie a due perni uno per ala.
 


 

SPALLE & BRACCIA

Le spalle sono unite al modello da un’articolazione sferica che consente la flessione, l’estensione, la circonduzione e una leggerissime anteposizione e retro posizione della spalla.
 
Una seconda articolazione unisce la spalla al braccio, consentendo a quest’ultimo di effettuare un leggera abduzione laterale.
L’estensione e la flessione del gomito sono affidate ad un’articolazione a resistenza, il braccio può ruotare sia in senso orario che antiorario sul proprio asse. Le mani possono ruotare sul proprio asse in entrambe i sensi, e sono rese intercambiabili grazie ad un perno a testa sferica montato sugli avambracci.


ARTI INFERIORI

Le anche sono movibili grazie a due articolazioni non a scatti, una per la flessione e l’estensione, l’altra per il movimento di abduzione e adduzione delle cosce.

Le ginocchia sono articolate a scatti per la flessione e l’estensione, la gamba può ruotare sul proprio asse di circa 45° verso destra e sinistra.

Le caviglie sono dotate di articolazioni sferiche a resistenza, permettono ai piedi di effettuare sia una buona flessione in avanti che una buona estensione all’indietro, mentre molto limitate dalla sono la flessione interna, esterna e la rotazione sul proprio asse.

In moltissime pose le piante dei piedi non toccano completamente in terra, un vero peccato vista l’estetica del modello e il resto delle articolazioni.


ACCESSORI

Gli accessori sono realizzati in gomma dura e plastica.


VERNICIATURA


Veramente molto bella la verniciatura, lo strato di colore applicato è molto spesso e perfettamente distribuito.
Il color nero pastello ha una finitura lucida che lo fa sembrare uno specchio.


CONCLUSIONI PERSONALI

La mobilità non è proprio il massimo complici le caviglie e le spalle poco orientabili, risulta invece essere molto stabile anche in pose dinamiche indice di una fortunata distribuzione dei pesi.
La quantità del metallo è veramente ottima e l’assemblaggio generale è molto preciso e curato.
Molto buoni i materiali usati, la cura dei dettagli e della verniciatura.
Il design generale è molto accattivante, io per esempio lo preferisco agli Ingram esteticamente, questione di gusti. Veramente un bellissimo prodotto, degno avversario dei gokin non trasformabili più blasonati.


Torna ai contenuti | Torna al menu